E così sui binari in tondo gira, illudendo la ragione, questo trenino a molla che si chiama cuore (Fernando Pessoa)

“This is a song about… the end of the world” Roland Orzabal

La prima volta che sentii questa canzone nel caro, vecchio Walkman dell’ 89,  all’altezza di

“A for a heart
B for a brain
Insects and grass
Are all that remain”

mi si  fermò il cuore.

Emetteva vibrazioni, le trasferiva, le spargeva nella mia testa, le concentrava  e le sparpagliava via poi, gridando, quella voce.  Le parole erano fatte di voce.
Poi ci piansi come si piange quando si incontra una cosa perfetta.
Ed è esagerato probabilmente, a molti non dirà nulla, anche se mi domando come sia possibile.
Versione Studio
(per vedere da You Tube, pigiare (pigiare è italiano, non un errore dialettico) HQ , vicino al volume, sennò si vede solo la schermata nera)

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/F-1pxv6H6yM" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Versione Live
(idem come sopra)

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/j2gSTnflHPM" width="425" height="350" wmode="transparent" /]
E ad oggi, questo pezzo sulla fine del mondo mi suona le emozioni come strumenti.
Non mi  interessano le voci belle, non mi hanno mai attratto, ce ne sono a milioni e non sono fondamentali per cantare. Meglio i concetti e il fascino, insieme o separatemente.
Ma voce di Roland Orzabal, personalmente è la più bella che conosca. Perchè mi arriva. Così bella, non riesco a non vedere bella nemmeno la sua faccia. Quell’album dalla copertina sgargiante, chiaramente l’avevo comprato per quella bella canzone di echi Beatlesiani che era Seeds of Love che gli dava il titolo, che sparavano in radio tutti i giorni, con un ricordo del gruppo più “elettronico” .
Complice il vecchio Walkman, dove (“dove”, perchè nel walman ci entravi, era un luogo, un pò scomodo, ma tuo)  era tanto era così noioso mandarle avanti e indietro, che le canzoni finivi per ascoltarle una per una, tutte. E non ce n’è una che non mi piaccia.
E soprattutto, cosa che me li ha fatti divenire molto cari,  non scrivevano canzonetta d’amore. 

Curiosità:
Wikipedia Italiana li definisce New Wave
Wikipedia Inglese invece Pop-Rock

Annunci

Una Risposta

  1. adoro!!!

    16 giugno 2009 alle 13:53

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...