E così sui binari in tondo gira, illudendo la ragione, questo trenino a molla che si chiama cuore (Fernando Pessoa)

Mica ti ho detto “Chiedimi se sono felice?”

Ahead

Si saltella da un discoso all’altro, da espliciti doppi sensi a cose sensa senso.E Poi:
"Sei felice?"
Oddio penso tra me e me…che domande a bruciapelo…
non è che mi dispiace, forse dovremmo domandarcelo più spesso l’un l’altro, tutti, perchè se te lo domandi da solo non è la stessa cosa, tanto che poi smetti di chiedertelo. O cominci a risponderti cose plausibili solo per te, a sragionare di quella gioia effimera che provi nel vedere le foglie rosse e gialle sugli alberi come fossero un miracolo.
-"Sei Felice?"
Banale ma l’unica risposta plausibile:
"Che domanda! La felicità non è uno stato costante" fin quì ci siamo.
"Sai è come quando canto in macchina, duetto con lo stereo…sono felice, piccole cose, poi arrivi , giri la chiave, spengi, scendi"
Ride. Un gran bel suono.
Sarebbe un buon raggiungimento avere in una giornata tanti di questi piccoli momenti, alcuni solo tuoi, altri condivisi, anche riflessi di gioia altrui, che fan gioia all’anima gli angoli della bocca all’insù. Ma poi al felicità come l’amore ha tante sfaccettature e umori. Certe volte è gretta e materiale ed è rappresentata dalla quiete economica, a volte la sola assenza di problemi dopo travagliati periodi è spasimata felicità, poi si smaterializza in abbracci e scambi e serate da ricordare, estati a chiacchierar fuor di finestra. Pensiero di felicità è fare la valigia per partire, qualsiasi sia la destinazione. Viaggiare per la sola ragione del viaggio per citare De Andrè.

Poi che altro?

"E tu? Tu sei felice?"

Silenzio

"No, non propriamente…"

Annunci

3 Risposte

  1. non doverselo chiedere forse è sinonimo di felicità…. ma in questo periodo l’unica persona che può chiedermelo è me stesso quindi sono molto, ma molto poco attendibilie…

    22 novembre 2007 alle 20:27

  2. stessa cosa stessa domanda sul mio blog…la risposta non la trovo mai…chissà se un giorno me ne accorgerò!

    23 novembre 2007 alle 10:23

  3. a questa domanda una volta risposi:”si, sono felice quando decido di esserlo”
    Beh si è una domanda la cui risposta nn ha un tempo preciso, è risaputo che la felicità è un insieme di attimi, sommando questi momenti se il totale risulta una bella somma…beh forse potremmo dire”si, in questo periodo sono felice”
    un bacio

    23 novembre 2007 alle 12:41

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...