E così sui binari in tondo gira, illudendo la ragione, questo trenino a molla che si chiama cuore (Fernando Pessoa)

Meglio andare a lavorare

Oggi la giornata è stata …rimessa…nel senso di vomito della parola stessa!!
E un letto disfatto
Da una parte io , e a tratti il cane che ha portato via, col suo peloso corpicino caldo, un pò del freddo incontrollabile sceso anche nella felpa enorme.
Nell’altra piazza, in ordine sparso,
uno, due cuscini,
il telecomando delle luci,
una scatolina di kleenex, dove più volte ho posato lo sguardo per vedere i personaggi disegnati, di Madagascar, pinguini, leone, ippopotamina e buona parte dello zoo,
occhiali da sole, telefono,
2 libri, un fumetto di Lupo Alberto,
il quadro che stava sopra la testa ed è caduto , tirato giù dal vento, come un presagio. Ma non mi ha centrata.
Hanno una pessima mira i quadri dell’ikea,e lui che stà sù, solo perchè in due anni non ho trovato cosa degna da appendervi.

Poi viaggi per la casa, panni stesi,
l’aria fresca e pulita fuori,
la tv accesa su mtv
la Dani che si ferma mezz’ora e con lei , a grandi linee ho parlato.
Amelia tirerebbe sù complicate, contorte teorie,
Vero sarebbe di parte.
Io sono sempre io, quella faccia di culo che passa di tanto in tanto allo specchio e dice a se stessa: "Adesso basta eh?"

E non mi si domandi perchè, mi sono letta tutta la biografia di Eminem su Wikipedia.Ragazzo tranquillo, Marshall…
E poi, questo V-Day? Ci andiamo? Ha un senso, o i tiratori di fili ci lasciano cazzeggiare in piazza, ma…poi?
Oggi è stata 2 tazze di te, dopo aver cercato parecchio, che abbiamo tè cinesi, alla menta, tisane tropicali, ma normalissimo te?? Poi basta.

E nel risalire nel nido, arriva una voce da giù, dalla tv accesa che è quella di Biagio che dolcemente, un pò tango e un pò Celentano come genere "E se mi sognerai…dal cielo cadrò"    e penso che non ce n’è nemmeno per Biagio oggi, cadrebbe a vuoto.

Annunci

Una Risposta

  1. Dyo

    Ubik, cos’ha il tuo blog? Bene che vada mi si inceppa la tastiera. 🙂
    Sai, la mia piazza vuota è abitata dai miei cellulari (sempre accesi, anche se non mi chiama manco Cristo), dal libro di turno, da almeno un paio di riviste e, a volte, dai trucchi.
    Posso immaginare quello che ti passa per la mente: sei in buona compagnia, se una come me sa essere ancora di compagnia.
    Un abbraccio.

    5 settembre 2007 alle 20:16

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...