E così sui binari in tondo gira, illudendo la ragione, questo trenino a molla che si chiama cuore (Fernando Pessoa)

Dalla Città

. "Elena"
Diaframma
dall’album "Passato, Presente"

Il ricordo di un istante di sole
che ancora mi aspetta ridendo
guida gli occhi verso muri scoscesi,
su pareti imbiancate.
Dove l’ombra di una mano sicura
disegnava figure
con la forza di promesse inventate
nel cuore di un giorno qualunque,
come un vestito…come un vestito…
come un vestito…come un vestito…
in un giorno qualunque…in un giorno qualunque…
in un giorno qualunque…in un giorno qualunque..

Incrociando rotaie, seduto su vagoni deserti
ho guardato il presente solcare il passato
fermandomi al vetro.
E il tuo volto ha il colore
di un’estate fantasma
che hai lasciato senza fretta cadere
come un vestito…come un vestito…
come un vestito…come un vestito…
in un giorno qualunque…in un giorno qualunque…
in un giorno qualunque…in un giorno qualunque…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...