E così sui binari in tondo gira, illudendo la ragione, questo trenino a molla che si chiama cuore (Fernando Pessoa)

Domenica

Munchin_taz

La mia nuova identità:

Taz

Me lo ha detto oggi l’Amelia…Taz…non mi dispiace,ma io sono calma calma…è il mio cervello in certi momenti che è un vortice…

Comunque.Una domenica di quelle noiose/bellissime.
Che hanno sapore di famiglia.Che ne vorrei tante.
Che mancano all’appello dei ricordi.
La fidanz che si guarda il G.P. poi entra ballando e cantando.
"Ha vinto Vale?"
"No.E’ caduto Haiden(ocomecavolosichiama)"
La campagna,Aisha che scopre per la prima volta gatti…che non hanno paura di lei,che non si gonfiano(come quelli del vicino a casa mia),non la minacciano,sono abituati ai cani….
"Aisha guarda i gatti e i gatti guardano nel sole mentre il giorno sta girando senza fretta…na-na-na,na-na-na…"

La polenta,le patatine al forno.
Dei maschi a guardare il calcio,
Delle femmine a chiacchierare e ridere intorno al tavolo.
I maschi entrano in cucina.Silenzio.
I maschi escono dalla cucina…chiacchiere,risate.
E’ un mondo esclusivo a volte quello delle donne che non accetta intrusioni.
Discorsi.Prese di giro,rimproveri…pareri.Il mio poco sbottonarmi.
Gli sguardi malinconici della Dile.
Le facce schifate sempre più eloquenti della Dani…

Poi festa della castagna.Io non sono persa,nè triste,nè pensierosa.
Guardo la gente.Tanta gente intorno.Guardo noi.Invecchieremo,penso per un attimo.
Guardo.La bellezza,per bellezza che sia,la solca il tempo…i nostri visi dimostrano ancora certo molti meno anni…ma passeranno.
Forse dovrei vivere "di più",cogliere questi splendidi anni,fare più cose,più sesso,più sport,
essere più leggiadra sentimentalmente,lasciarmi andare,anima inamidata,pensare meno,
con la coscienza che ORA ho,che è speciale,che mi legittima a vivere,con leggerezza
e allo stesso tempo con cognizione di causa.
Nessuno che cammini vicino a me sulla strada sterrata del mio cuore,
a costruire ancora un pò di questo "io", a farmi crescere, a crescere con me…
Però posso fermarmi a guardare più spesso,cogliere frutti che pendono dagli alberi,o,furtiva,prendere i pomodorini negli orti,come si faceva
da piccoli,specialmente con gli amici del mare,mangiandoli lì,tra la terra,sconditi.
Uno di quei sapori(e odori) incomparabili,archiviati nelle mente.


Annunci

3 Risposte

  1. i tuoi post sono sempre quadri

    15 ottobre 2006 alle 21:15

  2. Guarda al lato positivo dell’invecchiare… Ed anche per questa ragione, anzi a maggior ragione, cogli quello che la vita può offrirti. Non fissarti su quello che vorresti la vita ti offrisse. Bye Massimo

    16 ottobre 2006 alle 00:30

  3. Se rileggi il post capirai perchè sei un pò TAz, un vortice di parole… che si rincorrono per dare l’idea di una giornata vorticosamente passata a non fissare semplicemente il tetto della propria stanza!!

    16 ottobre 2006 alle 10:05

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...