E così sui binari in tondo gira, illudendo la ragione, questo trenino a molla che si chiama cuore (Fernando Pessoa)

UBIK

Dopo l’inverno “pinguino”,magrezza si ripresenta alla mia porta…magrezza per dire…se vi piace Kate Moss…non sono io…ma poi mica mi piace Kate Moss a me.
Oggi aperta scatola magica delle cose che non mi stavano più,quelle più carine, le ho regalate…ma qualcosa stipata ancora c’è,tanto per capire.Provati pantaloni bianchi…quelli che proprionon stavano qualche tempo fa,oggi calavano…soddisfazione?
Zero.
Meno,forse.
Nella mia testa stasera,vuota,solo desiderio di non essere nemmeno guardata…che non importa.
Mi siedo in un angolo,tra VEtri e VEstitini,
raccolgo la testa e la malinconia nei gomiti
e i gomiti sulle ginocchia.
Sono io,sempre io…sembra che cambio ma sono io…..

di Fernando Pessoa:
Non sempre sono uguale in ciò che dico e scrivo.
Cambio,ma non cambio molto.
Il colore dei fiori non è lo stesso quando c’è il sole
o quando passa una nuvola
o quando entra la notte
e i fiori sono del colore dell’ombra
Ma chi guarda si accorge che sono gli stessi fiori.
Per questo quando sembro non concordare con me stesso,
osservatemi bene:
se ero girato verso destra,
ora mi sono girato verso sinistra,
ma sono sempre io,fermo sui miei piedi.
Sempre lo stesso,grazie al cielo e la terra
e ai miei occhi e ai miei orecchi attenti
e alla mia chiara semplicità di anima….

Mi chiedo delle mie colpe…e quanto siete insensatamente cattivi e soffocanti
talvolta…..

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...