E così sui binari in tondo gira, illudendo la ragione, questo trenino a molla che si chiama cuore (Fernando Pessoa)

“PENSO IN CONTINUAZIONE, SENTO IN CONTINUAZIONE; MA IL MIO PENSIERO E’ PRIVO DI RAZIOCINIO, LA MIA EMOZIONE E’ PRIVA DI EMOZIONE! DA UNA BOTOLA SITUATA LASSU’, STO PRECIPITANDO PER LO SPAZIO INFINITO, IN UNA CADUTA SENZA DIREZIONE, INFINITUPLA E VUOTA. LA MIA ANIMA E’ UN MAELSTROM NERO, UNA VASTA VERTIGINE INTORNO AL VUOTO, UN MOVIMENTO DI UN OCEANO SENZA CONFINI INTORNO AD UN BUCO NEL NULLA, E NELLE ACQUE,CHE PIU’ CHE ACQUE SONO TURBINI, GALLEGGIANO LE IMMAGINI DI CIO’ CHE HO VISTO E SENTITO NEL MONDO: VORTICANO CASE, VOLTI, LIBRI, CASSE, ECHI DI MUSICHE E SPEZZONI DI VOCI, IN UN TURBINE SINISTRO E SENZA FONDO.
E IO, PROPRIO IO, SONO IL CENTRO CHE ESISTE SOLTANTO PER UNA GEOMETRIA DELL’ABISSO; SONO IL NULLA INTORNO A CUI QUESTO MOVIMENTO GIRA, COME FINE A SE STESSO, CON QUEL CENTRO CHE ESISTE SOLO PERCHE’ OGNI CERCHIO DEVE POSSEDERE UN CENTRO. IO,PROPRIO IO SONO IL POZZO SENZA PARETI MA CON LA RESISTENZA DELLE PARETI, IL CENTRO DEL TUTTO CON NULLA INTORNO.”

F.Pessoa,”Il libro dell’iquietudine”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...